In evidenza

L’Assessora Stocker visita San Candido

L’Assessora provinciale Martha Stocker giovedì 28 giugno a visitato il centro accoglienza Casa ex Caserma Druso di San Candido per parlare di inclusione sociale delle persone richiedenti asilo nel territorio altoatesino.

Il 28 giugno l’Assessora Martha Stocker ha visitato il centro accoglienza Casa ex Caserma Druso, gestito dalla Cooperativa Sociale River Equipe Onlus in collaborazione con l’Associazione Volontarius Onlus. Ad accogliere l’Assessora è stato il referente del centro accoglienza Simon Stötter insieme alla sua equipe.

Il centro ospita 34 persone richiedenti asilo provenienti dall’Africa subsahariana, in particolare dalla Nigeria. Come altre strutture accoglienza provinciali, il centro rappresenta un modello per l’accoglienza e l’inclusione delle persone richiedenti asilo nel territorio. Tutti gli ospiti di Casa ex Caserma Druso sono attualmente impegnati con contratti a tempo determinato nei settori alberghiero, della ristorazione, delle pulizie e in aziende del territorio. Alcuni svolgono tirocini formativi nei comuni dell’alta Val Pusteria.

Alla visita dell’Assessora ha partecipato anche Cristiano Mazzi, assessore alla cultura italiana nel Comune di San Candido che ha manifestato la propria soddisfazione di fronte all’arrivo di persone richiedenti asilo nel paese. Ha affermato: «L’attività turistica richiede forza lavoro durante tutto l’anno. I giovani ospiti del centro hanno dimostrato di volersi mettere in gioco, di lavorare e inserirsi nella comunità».

Erano inoltre presenti alcuni datori di lavoro, che hanno raccontato la loro esperienza positiva maturata con i giovani richiedenti asilo: in particolare Michaela Schäfer, titolare del Kaufhaus Schäfer di San Candido e Oswald Stabinger, proprietario di un’azienda di imballaggi.

Al termine dell’incontro l’Assessora Stocker ha consegnato ai giovani richiedenti asilo i diplomi del test sulle competenze effettuato presso la cooperativa sociale Akrat, che ne certifica le competenze professionali e ne favorisce l’inserimento lavorativo.