In evidenza

-Spreco +Eco: il giornalino dei Cacciatori di Briciole

Pubblicato in 15.000 copie (in italiano e tedesco) il numero speciale “-Spreco +Eco” della rivista Volinforma.
Il testo incentrato sulla lotta allo spreco alimentare è stato interamente curato dai “Cacciatori di briciole”.

È uscito in questi giorni il numero speciale di Volinforma “- Spreco + Eco” curato dai “Cacciatori di Briciole”. Il numero speciale, stampato in 15.000 copie, metà in lingua italiana e metà in tedesco, è stato guidato da Christian Bacci, vicepresidente di Volontarius e coordinatore del progetto “Cacciatori di briciole” di cui fanno parte circa 130 volontari che raccolgono quotidianamente i resti alimentari presso 100 esercizi che aderiscono all’iniziativa per poi redistribuirli ai bisognosi. Le “briciole” raccolte dal 2013 ad oggi hanno ormai superato il traguardo di 1,5 milioni di unità.

Tra questi vi sono circa 200 persone che in media vengono assistite sulla strada a Bolzano dalle associazioni Volontarius e San Vincenzo. Sono persone senza tetto e senza dimora, migranti e richiedenti asilo accolte nelle strutture come il Conte Forni di Bolzano o nei dormitori invernali del ricovero notturno. Le “briciole” vengono distribuite anche a persone vittime di tratta e di sfruttamento, alle oltre 100 persone contattate ogni sera dal Progetto Alba; oltre 400 persone indigenti che frequentano il punto di distribuzione del magazzino viveri del centro storico di Bolzano ed a 10 famiglie residenti nel capoluogo in condizioni di povertà.

Il numero speciale, di 28 pagine, è il frutto di cinque anni di esperienze maturate sul territorio dai Cacciatori di briciole nel campo dello spreco alimentare. “Il giornale – sottolinea Christian Bacci nella sua introduzione –  è stato realizzato grazie all’aiuto di studenti e di esperti per poter essere di aiuto alla cittadinanza, approfondendo vari temi al fine di ridurre lo spreco in casa. Siamo partiti dalle scuole, coinvolgendone di italiane e tedesche.

Da lì è iniziato il nostro percorso di consapevolezza, che ha voluto unire le testimonianze di chi lavora nel sociale e di chi è parte del settore alimentare, assumendo così diversi punti di vista e raccogliendo le voci più disparate”.

Il numero speciale contiene quindi numerosi interventi di esperti, testimonianze di volontari, suggerimenti preziosi per ridurre gli sprechi e riutilizzare i cibi avanzati, ricette e storie personali. La ricchezza dei contenuti è testimoniata anche dal gran numero di esperti e di professionisti che hanno fornito il loro prezioso sostegno e contributo alla realizzazione di questa interessante opera monografica.