In evidenza

Nadia Pretti

La prima storia che condividiamo con voi è quella di Nadia Pretti,  che da oltre 2 anni lavora a fianco dell’equipe di Oltre la Strada 


Calore | Senso di comunità | Rispetto


Creazione di un legame

All’inizio ho scelto di fare volontariato con le persone senza fissa dimora per curiosità e, utopisticamente, perché mi piacerebbe che tutte le persone potessero vivere con dignità.  Dopo un po’ di tempo si è stabilito un legame tra me, le persone che stavamo supportando, gli operatori e gli altri volontari.

Ora lo faccio anche perché mi danno forza e mi fanno vedere il mondo da un altro punto di vista.

Aspetto con ansia che arrivi il mercoledì sera perché sono felice di incontrare le persone a cui stiamo a fianco.  Sento che anche loro sono felici di vedere me, così come tutta l’equipe  del progetto “Oltre la strada”. Sento che c’è affetto reciproco e questo mi dà un sacco di energia.

Devo ringraziarli.
Devo ringraziare anche il gruppo di volontari perché mi sento accolta da tutti ogni volta.


Scopri di più sul progetto Oltre la strada cliccando qui.