Case accoglienza per persone richiedenti protezione internazionale

Dove: Provincia di Bolzano
Quando: tutti i giorni
Per chi: persone richiedenti protezione internazionale
Mail: profughi@riverequipe.it
Telefono: 0471 402 338 (tasto 5)

Milioni di persone che si muovono e si spostano dai Paesi d’origine, nel mondo, non sono un impegno e non possono essere considerate un problema. Rappresentano un fenomeno sociale e determinano un cambio d’epoca. Ospitare le persone che nei propri Paesi non sono libere di vivere, perché c’è una guerra o non ci sono le condizioni sociali ed economiche per costruire un presente e un futuro è un dovere e un obbligo morale che trova le sue radici nella nostra civiltà, cultura, tradizione sociale e religiosità. È giusto.

I profughi sono persone costrette a fuggire per povertà estrema, conflitti, persecuzioni e discriminazioni religiose, etniche o politiche. Alcune di queste persone arrivano a Bolzano dove, nell’attesa di ricevere un riscontro alla domanda di protezione internazionale, vengono accolte temporaneamente in strutture.

Volontarius offre alle persone ospitate corsi di lingua attraverso un nutrito gruppo di insegnanti, assistenza e consulenza informativa rispetto ai propri diritti, diverse attività volte a organizzare la vita quotidiana. Rientrano in queste le attività di pulizia della casa, di lavori di gruppo, gite, esperienze di incontro con la popolazione locale. Le equipe di lavoro sono costituite da operatori ed educatori con capacità di mediazione, esperienza e con competenze multidisciplinari e multietniche.

Obiettivi sono:

  • dare una risposta ai bisogni di accoglimento e di soddisfacimento dei bisogni primari di sopravvivenza (tra i quali gli accompagnamenti sanitari);
  • frequenza di corsi per l’alfabetizzazione, per la lingua italiana e tedesca;
  • interventi di sensibilizzazione alle norme di convivenza, partecipazione attiva alle attività quotidiane della casa e percorsi sulle tematiche riguardanti salute, alimentazione, igiene personale e rispetto degli ambienti;
  • interventi di ascolto, di socializzazione, di animazione e di integrazione e inclusione con il tessuto cittadino, coinvolgendo associazioni e centri giovanili;
  • attività di volontariato per gli ospiti nel settore urbano (come vigile), nelle case di riposo, con attività manuali (pittura, lavanderia);
  • sviluppo di una rete con i servizi pubblici e privati del territorio provinciale di lingua italiana e tedesca, partecipando alle riunioni di coordinamento;
  • operare in stretto raccordo con i servizi socio-sanitari pubblici e privati territoriali in modo da far fronte responsabilmente ai bisogni degli ospiti.

Le persone che arrivano a Bolzano attraverso il sistema di accoglienza nazionale, entrano in un sistema di accoglienza che offre loro l’opportunità di sviluppare gradualmente la propria autonomia. Ciò avviene all’interno delle Case di “pronta accoglienza”, “prima accoglienza” e “seconda accoglienza”, queste ultime più piccole, situate fuori Bolzano e dotate di cucine autogestite. Con gli educatori le persone vengono accolte e accompagnate nello svolgimento delle pratiche principali (visita medica, compilazione del C3, accompagnamenti in questura); iniziano i corsi di lingua e i percorsi finalizzati all’inclusione nella comunità (a seconda delle disponibilità si tratta di formazioni e corsi di orientamento.). Inoltre gli educatori iniziano a lavorare sulla raccolta e sulla stesura delle memorie che dovranno essere valutate dalla commissione di riferimento. All’interno delle Case si è ampliata la collaborazione con il territorio, in particolare con la rete del lavoro: cerchiamo sempre opportunità di stage, di corsi formativi e laboratori.

Responsabili dell’area Persone Migranti del Gruppo Volontarius sono:

Daniela De Blasio: 335 604 3730 – daniela.deblasio@riverequipe.it
Andrea Tremolada: 335 752 2486 – andrea.tremolada@riverequipe.it
Lorenza Iellici: 342 180 4338 – lorenza.iellici@volontarius.it

Sono attualmente gestite dall’associazione Volontarius le seguenti Case accoglienza (per quelle gestite dalla cooperativa sociale River Equipe Onlus consultare il sito web www.riverequipe.it).

Centri di Pronta accoglienza

Casa ex Lemayr (via Avogadro 8, Bolzano): 346 880 2398 – ceflemayr@volontarius.it

Centri di Seconda accoglienza

Casa Sole (via Scurcià 2, Ortisei): 0471 796 437 – profughi.ortisei@volontarius.it
Casa ex Mercanti (via Madonna del Riposo 9, Appiano): 347 666 7721 – profughi.eppan@volontarius.it
Casa ex Pernter (Strada Vecchia 3, Ora): 342 182 5629 – profughi.ora@volontarius.it
Casa Cavallino Bianco (Frazione Tiso 77, Funes): 348 336 9713 – profughi.funes@volontarius.it

Centri di accoglienza per famiglie

Maso Zeiler (vicolo Lageder 9, Bolzano): 342 509 2739
Casa c/o Albergo Krone (via Stazione 21, Chiusa): 344 185 3115 – profughi.klausen@volontarius.it

 

Importante

Nel rispetto delle persone ospiti delle strutture e delle persone che lavorano, per visitare le Case accoglienza o per consegnare eventuali donazioni di materiali (si accettano sempre volentieri vestiti, mobili e oggetti per la casa) si prega di avvisare preventivamente la struttura chiamando al numero di servizio.

L’ingresso alle strutture per giornalisti e persone non volontarie va preventivamente concordato con l’area comunicazione dell’associazione Volontarius scrivendo alla mail redazione@volontarius.it. Riprese e fotografie all’interno della struttura vanno inoltre concesse da parte degli uffici competenti della Provincia di Bolzano e, naturalmente, in accordo con le persone ospiti della struttura.

 

Galleria

Area Comunicazione
Alto Adige – Ad Appiano la festa dell’integrazione
Salto.bz – Rifiano accoglie
Regolamento di Dublino – dublino_inglese; dublino_italiano; dublino_somalo; dublino_tigrino

 

 

 

REFERENTE ISTITUZIONALE:
Provincia Autonoma di Bolzano
Azienda Servizi Sociali di Bolzano